P.S. I love you

giovedì 9 aprile '09 at 6:41 pm (cryptic, daydreaming, full moon, girl-powered, hawaii, hippie, italiano, love, sardegna, thoughts, travel)

Ho sognato l’oceano qualche notte fa. Quell’acqua densa e scura che si alza e si abbassa, e il cielo carico di pioggia.

Ho sognato un mio amico, che però tanto amico non è più, e ho pensato al valore dell’amicizia, a tutti gli amici che ho trovato e perso nel corso degli anni, a quanto mi manca la mia amica che ora sta passando un brutto periodo e non ha molto tempo da dedicarmi.

Ho sognato mio padre stanotte, bello come era lui, con quegli occhi color nocciola e il suo completo grigio scuro, magro come era, moro, e alto. Me ne sono ricordata improvvisamente stamattina, guardando negli occhi color nocciola del mio amore mentre facevamo colazione al bar. Le immagini del sogno sono riaffiorate senza preavviso, facendomi sentire una stretta alla gola come se stessi annegando, e poi immancabilmente sono arrivate le lacrime, che ho trattenuto e nascosto per non rovinare la mattina del suo compleanno, così piena di sole e di felicità.

E ieri notte c’era la luna quasi piena, bellissima, tonda e bianca, a ricordarmi le tante notti in cui ho guardato la luna piena nell’ultimo anno, ripensando anche allora e ogni volta ad altre notti in cui mi ha fatto compagnia. Sono così, un po’ lunatica.

A dire il vero, ultimamente, mi rendo conto di come sono fortunata, anzi, privilegiata. Non scambierei la mia vita con nessun altro, le mie esperienze strampalate, il mio corpo non perfetto, la mia famiglia al femminile, la mia collezione di libri, le mie passioni incostanti, i miei errori.

Vedo cose che mi fanno rabbrividire, ascolto discorsi che mi lasciano senza parole, incontro persone che mi suscitano tanta pena e poca compassione. Ma poi vedo e leggo cose che mi riempiono di speranza, mi fanno sentire forte, nel giusto, con il risultato che in tutta questa confusione, in mezzo ai dubbi e alle lacrime, mi sento felice! Sì.

Tanto per cambiare, sono piena di idee che faccio fatica ad imbrigliare, pensieri un po’ sfumati che non ho intenzione di inscatolare. I ricordi mi tormentano, di giorno, di notte, sempre. Ricordi belli, come piantare il taro alle Hawaii, pranzare con mio padre in giardino in Sardegna, fare i muffin con zenzero e noci brasiliane con il mio amore o ricevere in dono da mia zia una zucca enorme cresciuta nel suo giardino. E per forza di cose anche ricordi brutti, come la telefonata di mia madre quella mattina per dirmi che mio padre era morto, e altri, che ogni tanto traboccano da quel pozzo senza fondo che sembra possa contenerne infiniti, e tenerli ben nascosti. 

Vorrei coltivare un orto, passare del tempo a contatto con la terra, guardare i lombrichi che scavano tunnel tra le radici dell’insalata, annusare le piante di pomodoro, strappare le erbacce e piantare i mange-tout, quei fagiolini che mi piacciono tanto ma che non vendono nei supermercati (chissà poi perché?).

Vorrei viaggiare a lungo, andarmene via, lontano da tutto e tutti; evidentemente la terapia del silenzio e del distacco dello scorso settembre non è stata sufficiente. La TV mi ha stufato, le chiacchiere prevedibili, l’egoismo, il cinismo di questa gente che ci governa, la banalità.

Si vive una volta sola.

Andiamo??

strada

Permalink 6 commenti

sweepstakes prize

mercoledì 25 marzo '09 at 2:44 pm (caffeine, cryptic, english, girl-powered, love, lyrics)

You know all of my secret ideas
The ones I’m giving up on and the ones I’ll keep
and everybody sees a funny look in our eyes
‘cause we know that we already won the sweepstakes prize

I’d tell you why but I don’t know
It’s simple and so complicated
I could walk all day on the railroad tracks
but there’s much more to it than that

Permalink Lascia un commento

springtime… and the living is easy

venerdì 13 marzo '09 at 1:24 pm (cooking, girl-powered, italiano, love, ToDo)

In seguito al ritrovamento di un post dedicato alle cupcakes primaverili in cui questi piccoli dolcetti vengono ritratti in tutta la loro voluttuosa burrosità, ho deciso che all’inaugurazione della mia nuova casa (sì, è vero, compro casa, non era solo un rumor!!) il buffet sarà composto solo ed esclusivamente da cupcakes e involtini. Questa in effetti non è una grandissima sorpresa per chi conosce le mie perversioni alimentari.

Inari sushi and kale with mushrooms

Cambodian summer rolls

Dolmadakia (stuffed grape leaves)

Involtini di verza alla zucca

Sono stata per un attimo tentata da un menu molto sudista, tipo lobster bisquejalapeno cornbread, pecan pie, cherry cobbler e robe del genere, ma magari riciclerò l’idea per una cena autunnale, ad esempio per la festa del ringraziamento.

Nel frattempo, curiosando tra blog culinari, ho scovato il sito di questa fortunata signora che si è trasferita a vivere in un ranch e tra le altre cose pubblica delle foto strepitose in cui c’è sempre il sole. E ho capito, guardando fuori dalla finestra, che in realtà io vorrei abitare in un posto dove c’è sempre il sole e dove fa perennemente caldo. Come diceva ieri un mio amico, perché no? In fondo tutto è possibile.

Mentre aspetto l’occasione per trasferirmi in un posto dove fa sempre caldo o la strana congiuntura che mi farà diventare inspiegabilmente ricca, cerco di focalizzarmi su questioni di interesse pratico quali:

  • tagliarmi i capelli
  • prenotare la ceretta
  • comprare gli ingredienti per fare i biscotti (hazelnut chocolate chip cookies, mi manca solo il burro in pratica)
  • dare da mangiare al gatto
  • vivere per sempre felice e contenta

Permalink 3 commenti

retail therapy

venerdì 12 dicembre '08 at 1:17 pm (books, caffeine, cooking, daydreaming, girl-powered, hawaii, insomnia, italiano, love, thoughts, travel)

Lo so, c’è la crisi. C’è la recessione, lo sciopero generale indetto dalla CGIL, i tagli all’istruzione e alla sanità, l’inflazione galoppante, il prezzo del petrolio altalenante, il maiale alla diossina, il pesce al mercurio, il glutammato monosodico, l’inquinamento delle falde acquifere, l’8 per mille alla chiesa cattolica, il degrado dei cartoni animati alla TV e così via. Nonostante tutto, vorrei elencare i miei templi del consumismo negozi preferiti. Perché mi piacciono le liste e poi, dopotutto, siamo sotto Natale! Le strade sono piene di lucine che si accendono e si spengono ad un ritmo ipnotico, trasmettendo messaggi subliminali in codice morse che inducono allo shopping o quantomeno al window-shopping. Tutto è più bello ed improvvisamente irrinunciabile. Ora, se non fossi povera in canna e se avessi accesso, per esempio, alla carta di credito di Lourdes Ciccone, al libretto assegni dello stalliere del cugino di Bin Laden, alla paga settimanale della dog-sitter del chihuahua di Paris Hilton o al fondo-chirurgia-plastica di Nina Morić, beh, questi sono i negozi in cui probabilmente potreste avvistarmi mentre do sfogo ai miei istinti primordiali, arraffando a piene mani:

Il tutto inframmezzato da un pranzo a base di sushi, uno smoothie 100% frutta come spuntino dissetante, e magari un taglio di capelli da Coppola.

Soddisfatto questo primo attacco di shopping compulsivo, paragonabile in tutto e per tutto ad un’abbuffata notturna in fase pre-mestruale (meglio se nel frigo ci sono brie di capra, patè di olive nere, pomodorini secchi,  torta di carote e mandorle glassata e mezza bottiglia di Sauternes), potrei ritemprarmi pensando agli innumerevoli altri modi in cui spendere quantità imbarazzanti di denaro, con le tensioni accumulate che si sciolgono mentre mi abbandono mollemente alle cure di una squadra di estetiste professioniste in una Day Spa. Le tappe seguenti, più dispendiose in termini di tempo e più stimolanti in termini di difficoltà, sarebbero:

  • libri – in tutte le librerie che incrocio e ovviamente amazon.com, anche se ci priva del piacere di toccare, soppesare, sfogliare e annusare i libri
  • ingredienti – in negozi di alimentari normali e strani, con tappa certa da PeckDown to Earth (o analogo, come per esempio Whole Foods, Planet Organic o alla peggio NaturaSì)
  • vestiti e oggetti – da scovare curiosando per mercatini delle pulci, negozi dell’usato, botteghe del vintage e charity shop
  • utensili da cucina – in negozi specializzati, all’Ikea, e in ogni sgabuzzino polveroso di questo mondo

Il problema che si pone a questo punto è “dove mettere tutta questa roba?” (avendo risolto il problema precedente che era “come pagare tutta questa roba?”). Una volta sistemato e riposto ordinatamente tutto quanto – a patto che sia possibile – si porrà il problema: “in quante vite esattamente contavo di utilizzare tutta questa roba?!”

williams sonoma

Permalink 3 commenti

love letters

venerdì 5 dicembre '08 at 12:48 pm (caffeine, english, girl-powered, insomnia, italiano, love, thoughts, ToDo, writing)

A voi non piacerebbe ricevere una lettera d’amore? A me sì! Non dico necessariamente una lettera di 5 pagine, illustrata e a colori… mi accontenterei anche di un bigliettino. Qualcuno ci ha pensato e ha mandato in giro ben 400 lettere d’amore, ognuna diversa, mica ciclostilate. Chissà? Magari un giorno toccherà anche a noi.

374

Permalink 2 commenti

dolce e un po’ salato

lunedì 17 novembre '08 at 1:39 pm (cooking, italiano, love)

A volte mi sento un po’ una food evangelist, qualunque cosa voglia dire.

formaggi
(immagine presa da qui)

Permalink Lascia un commento

affare fatto?

lunedì 3 novembre '08 at 9:15 am (daydreaming, english, insomnia, italiano, love)

(immagine presa da qui)

Permalink 3 commenti

hey, è autunno!

giovedì 30 ottobre '08 at 7:29 pm (cryptic, insomnia, italiano, love, stars)

L’altroieri ha piovuto tantissimo. Ieri notte c’era un vento fortissimo che ha spazzato via tutte le nuvole e la luna nuova ci ha permesso di ammirare la costellazione di Orione alta nel cielo. Oggi mi sono improvvisamente accorta che i bordi delle strade sono colorati di giallo e rosso per le mille foglie cadute. Ho i brividi dal freddo. Che figata, è autunno!

La mia stagione preferita anche quest’anno non mi sta deludendo…


(foto presa in prestito da
qui)

Permalink 4 commenti

vegansexual?

mercoledì 29 ottobre '08 at 9:48 am (girl-powered, italiano, love, thoughts, vegan)

Ci stavo meditando e lo scriverò qui in questo posto neutrale.

Non credo di essere “vegansexual“, ma effettivamente, come si rifletteva su una mailing-list, adesso come adesso mi sarebbe difficile immaginare un partner un po’ più serio che si nutra principalmente di prodotti animali. Colazione con uova strapazzate? No grazie! Cenetta romantica a base di arrosto? Bleah! Qualcuno che mi rompa le palle sulle mie scelte alimentari sicuramente non scala le vette della classifica dei partner interessanti. Aggiungerei anche qualcuno che non ama la cucina e che non trova divertente mangiare cose bizzarre. Piccanti. Agrodolci. Crude. Eccetera.

Ora, lo so che non si può chiedere la luna, ma bisogna mettere dei paletti! E voi, non avete delle cose su cui non siete disposti a trattare in amore?

Permalink 7 commenti

saldi

lunedì 25 agosto '08 at 6:25 pm (cryptic, girl-powered, italiano, love, lyrics, thoughts, ToDo)

Che dire? Sono quella che sono. Tendo a ripetere gli stessi errori, over and over and over again, per così dire. E ora che sto cercando di spezzare questo circolo vizioso, l’unica differenza che riesco ad apprezzare è la mia reazione quando mi accorgo di stare ancora ricalcando i miei passi, ossia una simpatica quanto metaforica auto-pacca sulla spalla, seguita da un innocuo sorrisetto tra me e me. Già, mi perdono, mi assolvo e mi riabilito. Poi però mi chiedo, ma ci sarà qualcuno là fuori disposto a fare lo stesso? Io mi conosco fin troppo bene e mi sopporto, a giorni anche mi piaccio, sempre di più se devo essere sincera. Però a volte mi sento veramente un puzzle un po’ troppo complicato. In fondo, non a tutti piacciono i giochi complicati, con una ripida curva d’apprendimento. Beh, ma vaffanculo. Non voglio semplificarmi per il beneficio altrui. A me piacciono i giochi complicati. I saldi sono finiti!!

if I told you things I did before
told you how I used to be
would you go along with someone like me
if you knew my story word for word
had all of my history
would you go along with someone like me

— Peter, Bjorn & John (feat. Victoria Bergsman), “Young folks”

Permalink 5 commenti

Next page »