comunicazione di servizio

mercoledì 15 aprile '09 at 6:57 pm (italiano, lolcats, trivial)


(immagine presa a prestito da qui)

Permalink 2 commenti

skinning 450

mercoledì 7 gennaio '09 at 1:44 pm (italiano, lolcats, thoughts)

 

fur2

Odio le pellicce e chi se le mette.

Permalink Lascia un commento

muxtape vs. favtape

venerdì 22 agosto '08 at 6:50 pm (italiano, lolcats, music)

La RIAA sta mettendo i bastoni tra le ruote a muxtape e siamo tutti disperati. In compenso, ho scoperto una cosa simile che si chiama favtape (fantasioso, eh?) che in pratica è come una muxtape delle canzoni ascoltate su last.fm.

Ecco qui la mia favtape, anche se a dire il vero sbaglia una canzone su 2 della mia playlist… facciamo pure 2 canzoni su 3! Sarà perché ascolto roba oscura o perché il sistema è un po’ cagoso? Hmm.

Amen. Facciamocene una ragione.

Permalink Lascia un commento

invisible giggles

martedì 15 luglio '08 at 11:39 am (italiano, lolcats, love)

Oggi sono allegra da far schifo!!

Permalink 2 commenti

therapy

lunedì 14 luglio '08 at 1:18 pm (books, cooking, cryptic, daydreaming, girl-powered, grumpy, italiano, lolcats, music, ToDo, trivial, vegan)

Come migliorare la qualità delle proprie giornate:

  • ascoltare musica (in questi giorni, nella mia playlist ci sono Thee Headcoatees, Regina Spektor, The Lulabelles, The Donnas, The Weepies, Hole, Mademoiselle K, Supersnazz… toh che strano, tutte voci femminili…)
  • mangiare un sacco di frutta e verdura cruda e cucinare pranzetti vegan con gli amici
  • guardare i lampi e i fulmini stando sdraiati in terrazzo
  • leggere Umberto Eco
  • andare in palestra e aumentare un pochino i pesi per fare più fatica
  • contare i giorni che mancano alla partenza per le Hawaii (60!!)
  • immaginarsi cose assurde e autocensurarsi, ridendo
  • guardare un mucchio di vignette di ICHC

Come peggiorare la qualità delle proprie giornate:

  • dimenticarsi di caricare l’ipod e quindi non ascoltare musica oppure ascoltare musica di merda deprimente
  • mangiare latticini
  • andare in macchina senza aria condizionata con i finestrini chiusi perché fuori diluvia, e morire di caldo
  • non avere niente da leggere
  • non andare in palestra per pigrizia e rimanere in casa a fissare il muro chiedendosi, “perché non sono andata in palestra?”
  • pensare che probabilmente per altri 2 mesi non vedrò il mare
  • immaginarsi cose assurde senza autocensurarsi
  • accorgersi che non hanno aggiunto nuovi lolcats su ICHC


(chiedo venia… non mi ricordo a chi ho rubato questa foto)

Permalink 3 commenti

yin e yang

mercoledì 25 giugno '08 at 1:05 pm (hippie, insomnia, italiano, lolcats, thoughts, vegan)

La verità è che non sono vegan e non sono nemmeno macrobiotica, anche se apprezzo entrambe le filosofie di vita. Ieri però ho capito definitivamente che – almeno per me – la macrobiotica vince.

Permalink 3 commenti

I can has fridge lolz

martedì 3 giugno '08 at 12:56 pm (italiano, lolcats, trivial)

Presto sul mio frigo…

Permalink Lascia un commento

cranky

venerdì 30 maggio '08 at 2:21 pm (cryptic, english, grumpy, insomnia, italiano, lolcats, thoughts, ToDo, travel, trivial)

Oggi (e ieri e se vogliamo anche l’altroieri) ho un umore un po’ nero… Sarà il tempo piovoso, sarà la luna calante, sarà quel che sarà, fatto sta che sono un po’ cranky, ossia nervosa e incazzosa. E quando le variabili che potrebbero contribuire al miglioramento del mio umore sono troppo aleatorie, tanto vale trovare sollievo e sollazzo in persone altrettanto incazzose. E qui la misteriosa f*cking c*nts arriva in mio soccorso, con questo post sui bigotti.

What the fuck, people?! “Live and let live” is a fucking simple concept, isn’t it? Are there really that many people who are SO insecure in their own identites that other people’s lifestyles are a violent threat to their sense of self?

Giusto!

Even if it all WAS horribly sinful, y’know what? Other people’s sins are none of your fucking business. Judgement is reserved for God, isn’t it? You’re afraid of the US becoming a latter day Sodom and Gomorrah? Remember, God gave the righteous people advance warning the city was about to be flattened … you’ll have a chance to swim for safety, while the rest of us get engulfed in hellfire and brimstone and shit. So back off, and let your God do his job, why don’t’cha?

Ben detto!! Lasciateci bruciare all’inferno in santa pace… E ora, passiamo a quest’altro argomento interessante:

If I have a history of getting major crushes on women, does that make me bi, even though I never act on it? What if I thought about women while I was in bed with men?

Con questo pensierino, mi ri-immergo nel flusso della vita (lavoro, etc). E’ tutto troppo complicato, provvisorio, incerto, confuso, opzionale, inessenziale. Devo decidere al più presto (*) che cosa fare stasera, quest’estate, e nel resto della mia vita (… spirale logaritmica o progressione geometrica?). Che senso ha avere mille opportunità se poi non se ne coglie nessuna? Mi lascerò trasportare in tondo dal vortice ancora un po’, e poi metterò un braccio fuori e cercherò un appiglio.

E’ che mi mancano troppi dettagli, troppi pezzi del puzzle, troppi elementi cruciali. Odio essere all’oscuro. Le persone non me la raccontano giusta, omettono informazioni, e io le odio per questo, e odio quei giorni come oggi, ieri e l’altroieri in cui tendo ad essere una control freak. Voglio essere più zen.

(*) Propongo: stasera serata tranquilla, quest’estate in fattoria alle Hawaii e il resto della vita a lavorare alla Microsoft. Alternativamente: stasera io e il gatto a leggere Umberto Eco, quest’estate a mangiare le ciliege da mia nonna e il resto della vita a scrivere minchiate sul blog.

Permalink Lascia un commento

caffeina e saccarosio

martedì 27 maggio '08 at 10:10 am (caffeine, insomnia, italiano, lolcats)

L’odore di brioche ha il potere di far resuscitare i morti.

Sia ieri notte, quando eravamo praticamente ormai spalmati sui muri dal sonno e dall’alcol, sia stamattina, quando andare al lavoro in bici è stata un’impresa titanica paragonabile solo alla conquista del vello d’oro, il semplice odore di croissant appena sfornato è riuscito a farmi tornare la voglia di vivere.

Adesso però è il caso che mi beva anche un cappuccino, perché va bene tutto, ma un conto è annusare burro cotto, un conto è mandare in circolo una dose di caffeina e saccarosio… tutto ciò non sarà macrobiotico o vegan, ma quando ci vuole ci vuole!

Permalink Lascia un commento

intellighenzia

lunedì 21 aprile '08 at 6:07 pm (grumpy, italiano, lolcats, thoughts, ToDo, trivial)

I paroloni mi ipnotizzano, mi lambiscono, mi soffocano.

D’ora in poi voglio rifiutarmi categoricamente e coscientemente di usare parole che un bambino delle elementari o la mia vicina di casa ucraina non capirebbero. Non voglio più pronunciare le parole: edule, iconoclastico, tautologico, epistemologia, coprolalia, sincretismo, sinottico, bustrofedico, ontologico, ondivago, epiteto, ieratico, refrattario, ogivale, caustico, scevro, coriaceo, ignavia, archetipico, redarguire, sdilinquire, ferino, fallacia, atarassia, ossimoro, turpiloquio, marcescente, obnubilante, autoctono, dinoccolato.

Voglio parlare come l’uomo della strada e riuscire ugualmente ad esprimere ciò che penso. E, se non ci riesco, voglio semplificare ciò che penso di dover a tutti i costi esprimere.

Oppure, stare zitta!

Come quando Faulkner criticò Hemingway per la sua limitata scelta lessicale:

He has no courage, has never climbed out on a limb… has never used a word where the reader might check his usage by a dictionary.

e lui rispose:

Poor Faulkner. Does he really think big emotions come from big words? He thinks I don’t know the ten-dollar words. I know them all right. But there are older and simpler and better words, and those are the ones I use.

Non è che perché si sa una cosa bisogna per forza dirla. Questo gusto per l’esibizionismo dev’essere sradicato, annientato. Disincentivato. Oserei dire punito.

Vado subito a cancellare la mia iscrizione a “Word of the day“, strumento sovversivo di soggiogamento delle masse intontite e brancolanti, fonte inesauribile di paroloni on demand, razione quotidiana di snobismo intellettuale per noi drogati della carta stampata. La cancello e mi iscrivo a qualcosa di molto più stronzo e terra-terra. Giuro. Cioè, giuro che ci faccio un pensierino, perlomeno…

Permalink 4 commenti

Next page »