per il mio amico immaginario

lunedì 30 giugno '08 at 6:18 pm (books, calvin & hobbes, cryptic, daydreaming, girl-powered, italiano, love, magic, trivial)

Caro amico immaginario,

ho questa sensazione di averti davvero conosciuto di persona tanto, tanto tempo fa, ma ora inizio a dubitare anche di questo, inizio a pensare che sia stato tutto un sogno, un’illusione. Per esempio, i tuoi occhi non saranno *davvero* così chiari… sicuramente è la mia immaginazione che vuole raffigurarseli così. La tua risata, poi, non può davvero essere così contagiosa come mi sembra di ricordare. Bah, gli scherzi della mente…

Volevo raccontarti un paio di cose che mi sono successe ultimamente, a partire da quel fatto che ti ho accennato che è capitato alla mia amica e che mi ha fatto riflettere parecchio. Vedi, apprezzo molto il senso dell’avventura, come credo anche lei, del buttarsi chiudendo gli occhi sperando che una rete si materializzi come per magia, ma il problema è che a volte le regole del gioco non sono ben chiare, non vengono spiegate bene all’inizio, e ci si ritrova a giocare con regole diverse dagli altri giocatori, che non è bello. Alla mia amica è successo proprio così. Fatto sta, come ti ho detto, ho dormito da lei quella sera, e non fosse stato per il caldo afoso e per la sveglia dell’indomani mattina, ci saremmo anche divertite in questa specie di pigiama party improvvisato! E invece, questo episodio mi ha lasciato l’amaro in bocca, e una gran voglia di vendetta. Un po’ come Charlotte nel film di Sex and the City, ho provato a pensare ad una frase da dire al momento opportuno (la sua frase era: “maledico il giorno in cui sei nato!”)… sono ancora indecisa tra “mi fai schifo” e “sei una bestia”. Non tollero chi maltratta e fa soffrire le mie amiche!

Stavo anche pensando alle parole dette e a quelle non dette… come interpretare alcune frasi? Per esempio, “ti faccio sapere”, di solito vuol dire “ti faccio sapere”. Allora perché non funziona sempre così? Il vantaggio di avere un amico immaginario, suppongo, è che se anche si volatilizza lo si può giustificare dicendo che, in fondo, non è mai esistito davvero… :-)

Un’altra cosa che volevo raccontarti è che ieri ho ritrovato i miei diari! Incredibile… ormai erano mesi che li avevo dati per dispersi. E’ stato fantastico rileggere finalmente quelle pagine di dieci anni fa, quella specie di blog ante litteram, quei racconti di fatti antichi. E’ stato come se riprendessero vita tante cose e tante persone della cui esistenza ormai quasi dubitavo… Credo che li leggerò con molta calma e attenzione, per vedere se la vecchia me (o meglio la giovane me) ha qualcosa da insegnarmi, come credo. Mi ricordi qualcuno del mio passato, lo sai, vero, amico immaginario?

Poi, volevo anche dirti che mi piace proprio essere vegan. Devo ammettere che settimana scorsa mi sono presa una storta epica a base di mojito (a stomaco vuoto), e per controbilanciarla ho mangiato un panino con arrosto di tacchino… macrobioticamente parlando, lo yang estremo del panino con carne e maionese ha in qualche modo riportato verso l’equilibrio (seppure instabile) la mia lancetta interna, così spostata verso lo yin dall’eccesso di alcol e zucchero. Quindi, ad essere pignoli, non sono vegan. Quindi, se vuoi portarmi a mangiare la carne o il pesce in qualche posticino carino (e possibilmente fresco) potrei anche accettare l’invito!

Mancano 73 giorni alla mia partenza per le Hawaii; mi chiedo se da qui ad allora ti rivedrò, anche solo in un sogno, chi lo sa. Non ho nessun programma particolare, a parte mangiare un sacco di verdura, frutta, cereali integrali, alghe, e tutte quelle cosine che non ti piacciono particolarmente ma che mi fanno sentire tanto, tanto bene… In fondo, quando sarò lì avrò cibo gratis a volontà, ma strettamente vegan! Meglio farci l’abitudine :-) Ho anche in programma di continuare a sudare in palestra con la mia amica, leggere libri con il mio gatto al fresco del ventilatore, dormire parecchio e uscire un po’ di meno. Mi piacerebbe leggere il libro a cui mi hai accennato una volta, sui simboli della spirale e della svastica… o forse mi sono immaginata anche quello?

Poi, nella settimana di ferragosto in cui ho praticamente ferie obbligatorie, credo che andrò a trovare mia nonna in Friuli, anche perché in quei giorni cade il compleanno di mio papà, che ora come sai non c’è più, e credo che mi piacerebbe passare un’oretta in quel cimitero in fondo alla valle, ad ascoltare i grilli e contemplare il cielo azzurro e le montagne.

Stammi bene, amico immaginario, ti penso spesso, sei una persona simpatica e particolare, non riesco ad odiarti nemmeno un po’.

Permalink 3 commenti

yin e yang

mercoledì 25 giugno '08 at 1:05 pm (hippie, insomnia, italiano, lolcats, thoughts, vegan)

La verità è che non sono vegan e non sono nemmeno macrobiotica, anche se apprezzo entrambe le filosofie di vita. Ieri però ho capito definitivamente che – almeno per me – la macrobiotica vince.

Permalink 3 commenti

just another wordpress blog

giovedì 19 giugno '08 at 6:46 pm (daydreaming, girl-powered, hawaii, hippie, italiano, ToDo, travel)

Ho appena registrato un nuovo blog (humuhumunukunukuapuaa.wordpress.com) che spero di usare come pseudo diario di viaggio delle mie tre settimane hawaiiane… facile da ricordare, eh? ^_^

Humu­humu­nuku­nuku­āpuaʻa è il nome del pesce ufficiale delle Hawaii, un simpatico pesciolino anche noto col nome di Rhinecanthus aculeatus o pesce Picasso. Stavo cercando un nome carino, ma i più ovvi (aloha, mahalo, wiwi, wikiwiki, …) erano già presi, per cui ho scelto questo, credo principalmente perché mi fa piuttosto ridere la frase associata a questo pesce: “the name is longer than the fish”!

E quindi, dal 12 settembre, leggetemi su humuhumu…quel-che-l’è.

Che cosa farò alle Hawaii?

Innanzitutto, lavorerò part time in una fattoria biologica che si chiama Pupukea Organics e si trova nei paraggi di Haleiwa, la cittadina principale della costa settentrionale di Oahu, ossia praticamente la capitale mondiale del surf. Dal martedì al venerdì, mattina e sera, lavorerò in fattoria, mentre i pomeriggi probabilmente mi cuocerò in spiaggia. Il sabato mattina darò una mano al farmer’s market, ebbene sì! Venderò papaye o robe del genere… almeno credo. Sabato pomeriggio, domenica e lunedì sarò totalmente libera, quindi nei due weekend che avrò a disposizione organizzerò qualche gita, anche se ovviamente non so ancora dove. Dormirò in un “cottage” (che immagino sia un eufemismo per “capanna”), avrò accesso illimitato all’orto e al frutteto (yay fase vegan!!) e – last but not least – anche il wi-fi!

Poi, chissà, potrei prendere qualche lezione di surf e vedere un po’ se riesco a farmi inghiottire da un’onda gigante o mangiare viva dagli squali… A quanto pare, è facilissimo stare in piedi su una tavola da surf; il problema, come per tante altre cose del resto, non credo che sia “salire”, quanto “scendere” :-)

Prevedibilmente, comprerò un sacco di minchiate locali, a partire dalle immancabili magliette e felpe (la Roxy è una delle mie marche preferite) per non deludere le mie amiche che sostengono che “metto solo felpe”, poi magari qualche prodotto per il corpo un po’ hippie, la solita vagonata di libri (hawaiian quilting, hawaiian tattoos, …), cibo, etc.

Dopotutto, hey, quando cazzo mai ci torno alle Hawaii?!?!

Detto questo, ho comprato su Amazon la guida delle Hawaii della Lonely Planet (dico io, è possibile che comprata online con spedizione mi costi 15 euro mentre in libreria in Italia costa 27.50 euro? misteri…), ascolto in loop una selezione di canzoncine surf-punk-garage dei miei gruppettini femminili preferiti, progetto sessioni abbronzanti per il weekend e continuo a mangiare vegan e tenere duro in palestra… ci vorranno pure dei muscoli per lavorare nei campi e per stare in equilibrio su una tavola di poliuretano, o no?

Ora non rompo più con le Hawaii, giuro! Finché non starò per partire, chiaramente :-p

Permalink 7 commenti

cold tofu

mercoledì 18 giugno '08 at 2:04 pm (caffeine, hippie, italiano, lyrics, ToDo, vegan)

cold turkey: di punto in bianco (relativo ad abitudini quali droga, fumo, alcohol, etc.)

Oggi è il decimo giorno del mio balzanissimo programma di disintossicazione. In pratica, ho eliminato dalla mia dieta zucchero, caffeina, alcolici e prodotti animali. Che cosa rimane? Beh, tutto il resto, no? Hey, dopotutto, l’ha fatto anche Oprah! :-) Tra l’altro, l’ha fatto anche Morgan Spurlock dopo aver finito di girare Supersize Me.

Non sento la mancanza di nulla in particolare (a parte la cronica carenza di sonno, ma quella è un’altra storia), anche se ammetto che resistere all’alcol è difficile, soprattutto uscendo con le mie amiche alcolizzate… Eliminare zucchero e caffeina è stato incredibilmente semplice (l’ultima volta che l’ho fatto ho avuto emicranie per tre giorni). Eliminare poi tutti i cibi di origine animale è stato decisamente liberatorio (anche se non mi sono ancora trovata davanti un piattone di sushi a cui dover dire “no, grazie”!).

L’idea è di tener duro fino a fine mese; poi, si vedrà.

When you feel down, I recommend to you
Have lots of fruits and vegetables
When you feel sad, I recommend to you
Have lots of fruits and vegetables

Nice fresh fruits and vegetables, make you feel so free
I’m talking about my own life, I love to feel free too

When you feel lonely, i recommend to you
Have lots of fruits and vegetables
When you feel like crying, i recommend to you
Have lots of fruits and vegetables

When you feel down, i recommend to you
Have lots of fruits and vegetables
When you feel sad, i recommend to you
Have lots of fruits and vegetables

Nice fresh fruits and vegetables, make you feel so free
I’m talking about my own life, i love to feel free too

Vitamins, minerals, energy and more
Let’s eat fruits and vegetables
Orange, apple, banana, grape, cherry, melon
Avocado, carrot, radish

Nice fresh fruits and vegetables, make you feel so free
I’m talking about my own life, by the way, i eat chicken, too

Na, na, na, na…. na, na, na, na….
Na, na, na, na…. na, na, na, na….
Na, na, na, na…. na, na, na, na….
Na, na, na, na, na, na, na….

— Shonen Knife, “Fruits and vegetables”

Permalink 2 commenti

stagioni

martedì 17 giugno '08 at 11:43 am (foto, grumpy, italiano, meteo)

Che bello, è autunno! Stamattina c’era anche la nebbia e quella pioggerellina così tipica di ottobre… Oggi ho addosso un bel maglioncino di lana color verde e le Etnies, quelle che tengono un bel caldino ai piedi. Appena sveglia mi sono fatta una doccia rovente e andando in bici al lavoro ho rimpianto un po’ di non aver messo la giacca a vento antipioggia e una sciarpetta. Brr!!

Beh, quanto manca a Natale??

Certo che vola il tempo, la primavera e l’estate sono volate via così in fretta che non me ne sono nemmeno accorta! Uff, peccato, mi sarebbe piaciuto leggere dei libri in un prato, fare dei pic-nic, andare in piscina, prendere il sole in terrazzo e godermi il fresco della sera dopo una giornata afosa…

ç_ç


(15.06.2008 dalle parti di Castelletto di Branduzzo)

Permalink 2 commenti

wasting my time

domenica 15 giugno '08 at 9:21 pm (cryptic, girl-powered, grumpy, italiano, lyrics, thoughts)

…dedicato a…

I don’t think you understand
That what you’re doing is not so cool
You think it’s funny to mess with my mind
Don’t you

You know I like you so you just tease me
You give me just enough to hang on enough
When you’re just wasting my time
You’re simply wasting my time
So quit wasting my time

Do you hear me when I say
So let me ask you something
Do you think I’m pretty or don’t you
Do you wanna get with me or not

Or are you just wasting my time
You’re simply wasting my time
So quit wasting my time
And what have you got to say
Well things have got to change
Say this just isn’t right
I don’t wanna have to fight
And I think I’d better go
Cause this ain’t working out any more
and I’m sorry, sorry, sorry

Understand
That what you did
Was just not so cool
Baby, you’re just not that cool

— Boomkat, “Wasting my time”

Permalink Lascia un commento

aloha!

giovedì 12 giugno '08 at 6:14 pm (hawaii, italiano, travel)

L’ho sempre detto che spendere dei soldi migliora l’umore… ^_^

Permalink 6 commenti

a new stereophonic sound spectacular

mercoledì 11 giugno '08 at 1:53 pm (english, girl-powered, lyrics)

when the sun is high
I get up from my bed
I play my favourite record
the volume turned down

drink a glass of fresh water
and give the cat some milk
turn off the sound of the news on telly
which I hate

some day eventually
summer will come to an end
and if we part, even so
I will survive to see another autumn
I will survive on my own
I will survive

god is testing me
this is a period I have to go through I guess
my favourite record
always ends too fast

some day eventually
summer will come to an end
I’ll put on a new shirt
and I will live my new life
I will live all by myself
I will live

god is testing me
it is a period I have to go through I guess
I won’t be listening to my favourite record for quite a while
until another summer comes

— Pizzicato Five, “Ma vie, l’été de vie”


Permalink Lascia un commento

my life in graphs (2)

martedì 10 giugno '08 at 3:18 pm (books, lyrics, trivial)

Il mio contributo a graphjam.com… LOL ^_^

Permalink 2 commenti

my life in graphs

martedì 10 giugno '08 at 11:13 am (english, ToDo, trivial)

“Do, or do not. There is no ‘try.'”
 — Jedi Master Yoda

Permalink Lascia un commento

Next page »